Scuola, Lavoro, giovani e le speranze di un futuro che non c’è

un-giorno-sara-tuo

Siamo negli anni 60/70 e quando si incontravano i ragazzi si chiedeva loro cosa avrebbero fatto da grandi.

In quel periodo i canali televisivi erano ancora pochi e mancavano i social, pertanto gli stimoli maggiori arrivavano dalla vita reale.

Pompiere, il medico di famiglia, la polizia, astronauta, geometra e altre professioni di spicco del momento erano le risposte più gettonate.

Con compiacimento di chi faceva la domanda la risposta era sempre la stessa, Vedrai che un giorno anche tu sarai quello… non riferito al lavoro in se stesso ma sopratutto alla dignità umana che esso rappresentava.

Continua a leggere